Sono stata presente al matrimonio di tutte le mie amiche più care, le cugine e le zie più giovani (ben 13 cerimonie).Costosissimi abiti bianchi stile principessa o stile sirena,sposi e genitori emozionatissimi, fiori, baci, sguardi amorevoli, la gioia di amici e parenti, manciate di riso, torte nuziali ed esotici viaggi di nozze (senza dimenticare le feste di addio al celibato, una addirittura a Las Vegas). Tutto come nei migliori film. Ho sentito per ben 13 volte la romantica sposa sussurrare allo sposo : “ Amore, è il giorno più felice della mia vita !” . Che bello ! Queste sono le cose importanti della vita, le cose che contano: l’amore, il matrimonio, la famiglia, i legami duraturi. Sì. Facendo il conto oggi, dei 26 sposi che mi hanno chiesto di condividere con loro la gioia dell’evento, solo 14(cioè 7 coppie) sono ancora insieme, le altre 6 coppie sono già alla seconda relazione “seria”. Senza contare che una di queste coppie è già naufragata subito durante il viaggio di nozze su una spiaggia da cartolina per colpa del fascino dell’istruttore di surf……..Perchè tutti questi buoni propositi di gioia e amore reciproco sono svaniti come se non ci fossero mai stati…? In realtà il “per sempre” non sempre è per sempre per la semplice ragione che la monogamia non sta nella nostra natura, ma nella nostra cultura. Mi spiego: gli uomini preistorici, i nostri antenati, non erano certo monogami, anzi, ci si accoppiava con il maggior numero di femmine per tramandare il proprio DNA. Anche le femmine cercavano di accoppiarsi con il maschio più forte, colui che poteva garantire la sopravvivenza di lei e della prole, e non è detto che questo maschio fosse per tutta la vita lo stesso. Vabbè, voi mi direte, questo succedeva migliaia di anni fa, ma oggi abbiamo una cultura diversa, siamo civilizzati e abbiamo creato l’istituzione del matrimonio. E’ vero, ma, come spiegano tanti studi di psicologia, sociologia ed etologia i nostri istinti sono rimasti quelli di migliaia di anni fa. Ecco spiegato perchè tante donne hanno una storia con l’atletico maestro di sci e tanti uomini sono attratti da una donna più giovane, capace di garantire la prosecuzione della specie meglio di una coetanea. La civiltà è andata avanti, ma l’istinto primordiale, il “basic instinct” è sempre lo stesso. Sotto la giacca e cravatta c’è ancora l’uomo di Neanderthal . Questo istinto ci porta ad innamorarci oggi di un partner e, magari, domani di un altro che ci sembra più bello, più intelligente, più potente.……..

Questa è una teoria. Chissà se è quella giusta.