Ci ha lasciati un lavoratore e un capitano d’azienda come non ce ne sono tanti al mondo. Uno che ha preso due aziende al collasso e le ha fatte diventare una multinazionale vincente. Uno che ha scommesso, sembrava, contro l’impossibile. Uno che non ha mai lavorato, perchè lui ERA il lavoro che stava facendo. Uno che è riuscito l’impossibile. Ce ne sarebbe bisogno di gente come lui al senato, alla camera, al governo, dappertutto. Avremmo bisogno di altri Sergio Marchionne che gestiscano compagnie aeree e di trasporto ferroviario, banche, uffici dello stato e non, elezioni politiche ed amministrazioni comunali………………………………………………………………………………………………